Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for settembre 2008

Sara si è addormentata. Stasera è stata Roby a farla addormentare, ma ieri è stato il papà. Si, ieri ci si è messa la mia schiena a darmi una mano e, verso la mezza, dopo che Sara ha gridato un bel po’ per il dolore ai denti, dopo che in un momento di sconforto l’ho mollata sul letto dicendole che non sapevo più cosa fare e per questo la mollavo, dopo tutto questo è arrivata la mia schiena a dirmi: “OK, ce la puoi fare. Prendila e falla dormire!” E sarà stata la fortuna, sarà stata la stanchezza di Sara, saranno state la laringe e la faringe di Sara che non ce la facevano più… insomma, sarà stata qualsiasi cosa, ieri dopo l’incoraggiamento della mia schiena la ciambella è stata presa (anche in modo un po’ spiccio), è stata piazzata fra le braccia e ho iniziato a dondolare. E dondola, dondola, dondola, dondola (la ciambellina, così carina, la ciambellina, di mamma e di papà) ninna nanna cretina (che Sara adora), e dopo qualche minuto Sara ha capitolato. Gli occhi subito chiusi, il ciuccio in bocca, la testa appoggiata al braccio sinistro, il suo pigiamino rosa addosso… e si è addormentata. Un po’ di dondolio, luce bassa, abat-jour accesa sul comodino e silenzio in casa. Sara ha smesso di urlare, ha smesso di agitarsi, di mulinare braccia e gambe e ha iniziato a sognare (spero). Delle risate da fare il giorno dopo con la mamma e con il papà. Si perché (e spero che le neo mamme come Wonderland si tirino su) il bello arriva quando sorridono per ogni cavolata che fanno, quando passano la paura dei primi bagnetti e iniziano ad innaffiarti neanche fossi una pianta assetata. Il bello arriva (piano piano piano, ma arriva).

Annunci

Read Full Post »

Tanto tempo che non c’è nulla su questo blog. Sono, in effetti, anche un po’ deluso perché quando ho iniziato immaginavo quantità di post su ogni movimento di Sara. Invece, alla fine, dopo le vette e i baratri, la vita diventa straordinariamente ordinaria. Sara fa parte della nostra vita come se fosse sempre stata con noi. Io mi ritrovo a commuovermi a rivedere le foto di quando era tanto piccola come ancora fa mia madre a pensare a me e mio fratello bambini. Roby rimpiange il tempo in cui allattava come fosse andato via millenni fa. Credo sia semplicemente successo che ci si è scrostata di dosso tutta la paura dei primi giorni e, ormai, Sara è nel suo posto con noi, con le cose che tirannicamente ha imposto alla nostra casa (55mq di – ormai – giusto una decina calpestabili a causa di tutte le sue cose). E parlando di queste cose, diciamo che Sara ha imposto, oltre alla culla, al fasciatoio ed al passeggino che già avevo mostrato, anche questi aggeggi:

Seggiolone

Sdraietta

Mobilia

Insomma, Sara ha imposto tante cose che sono ormai diventate normali nella nostra vita. Credo che questo pensiero sia, tutto sommato consolante. Riuscire a comprendere nella propria esistenza un simile sconvolgimento non è male, mette sicurezza, infonde piaceere. Nel frattempo, lei continua ad imparare cose. Ormai non vive solo di latte (MELLIN 1 è quello che preferisce) ma abbiamo iniziato con le pappine. Spettacolo da condividere!

Inoltre parlotta, spara vocali spesso a toni così acuti da far male. E poi… ha espresso la sua nazionalità con ripetuti: “Heiù”. Non ci sono dubbi, lei parla inglese. Questo è il motivo per cui non sempre la capivamo all’inizio!

Ad ogni modo, cercherò di riprendere quanto prima una scrittura più assidua. Promessa di Futuro Papà.

Read Full Post »

Nomino ufficialmente questa foto la copertina ufficiale!

Si tratta decisamente di un colpo basso della mamma al mio cinismo… BELLA DI PAPA’!

Read Full Post »